F.A.Q.

Le domande più frequenti che ci vengono poste.

 

  1. Che cos’è il D.P.R. 462/01?

D.P.R. 462/01 è l’abbreviativo comunemente usato per identificare il Decreto del Presidente della Repubblica del 22 ottobre 2001 n. 462. Il D.P.R. 462/01 tratta il tema della sicurezza elettrica negli ambienti di lavoro ed in particolare disciplina l’obbligo di denunciare gli impianti e di far sottoporre gli stessi a verifiche periodiche.

  1. Cosa s’intende per denuncia di terra?

La Denuncia di terra è una comunicazione obbligatoria ai sensi del D.P.R. 462/01. Tutti i datori di lavoro, difatti, sono tenuti a comunicare l’esistenza del proprio impianto agli Enti di Pubblica Vigilanza competenti per territorio (ASL/ARPA  e INAIL).

La comunicazione deve essere effettuata entro 30 giorni dalla data di installazione dell’impianto e avviene mediante la compilazione di appositi modelli ai quali si allega una copia della dichiarazione di conformità  rilasciata dall’installatore. L’INAIL per la pratica di denuncia richiede il pagamento di €. 30,00 da effettuarsi a mezzo bollettino postale secondo le indicazioni fornite dall’INAIL stesso nel modello di denuncia. La documentazione va spedita a mezzo lettera raccomandata con ricevuta di ritorno. Il fine della denuncia di terra è quello di immatricolare tutti gli impianti elettrici.

  1. Cosa s’intende per verifica periodica dell’impianto elettrico di messa a terra?

La verifica periodica dell’impianto elettrico di messa a terra è una revisione obbligatoria e periodica dell’impianto elettrico di messa a terra ai sensi del D.P.R. 462/01. Tale verifica mira a controllare che l’impianto elettrico di messa a terra sia efficiente e conforme alle vigenti normative e che con il passare del tempo mantenga i requisiti di sicurezza richiesti.

  1. A chi si rivolge il D.P.R. 462/01? Quali sono i soggetti obbligati a fare le verifiche?

Il D.P.R. 462/01 si rivolge a tutti i datori di lavoro di Aziende private e pubbliche con presenza di lavoratori o figure ad essi equiparabili (es. dipendenti a tempo determinato, dipendenti a chiamata, soci lavoratori, stagisti, etc.). L’obbligo delle verifiche interessa la quasi totalità  delle Aziende presenti in Italia. Il Datore di lavoro, difatti, è responsabile dell’esecuzione delle suddette verifiche.

  1. Chi può eseguire le verifiche?

Per l’esecuzione delle verifiche il datore di lavoro può scegliere se rivolgersi all’Azienda ULS/ARPA locale oppure ad Organismi di Ispezione abilitati dal Ministero dello Sviluppo Economico come C.V.E. CENTRO VERIFICHE EUROPEE Srl.

Ai sensi del D.P.R. 462/01 non hanno nessuna valenza le verifiche svolte da elettricisti, progettisti o liberi professionisti in genere.

  1. Qual è la periodicità  delle verifiche?

Il D.P.R. 462/01 prescrive l’obbligo di far eseguire le verifiche con periodicità  quinquennale salvo l’impianto elettrico non risulti installato in cantieri, locali adibiti ad uso medico o ambienti a maggior rischio in caso di incendio per i quali la periodicità è biennale.

  1. Come si svolge una verifica periodica dell’impianto elettrico di messa a terra?

La verifica periodica dell’impianto elettrico di messa a terra è un insieme di esami e prove strumentali che il Tecnico Verificatore esegue al fine di accertare o meno la corretta funzionalità  dell’impianto ai fini della sicurezza elettrica.

L’iter di verifica è disciplinato da una normativa di riferimento, pertanto tutti i tecnici abilitati sono tenuti ad eseguire gli stessi esami e prove strumentali di seguito descritti:

 esame della documentazione tecnica dell’impianto elettrico (conformità , denuncia di terra, eventuale progetto, etc.).

– esame a vista dell’impianto

– misura della resistenza di terra

– prova di continuità  elettrica eseguita a campione sulle attrezzature, sulle prese, sulle masse presenti nel sito.

– prova di funzionamento dei dispositivi di protezione a corrente differenziale.

– eventuale misura dell’impedenza dell’anello di guasto.

– rilascio del rapporto di verifica e del verbale di verifica.

  1. Quanto costa una verifica periodica dell’impianto elettrico di messa a terra?

La spesa per l’esecuzione della verifica periodica dell’impianto elettrico di messa a terra varia a seconda delle caratteristiche dell’impianto elettrico (potenza installata, superficie coperta calpestabile dello stabile e presenza o meno di una cabina elettrica di trasformazione MT/BT) ed è stabilita da un tariffario depositato presso il Ministero dello Sviluppo Economico. Per ricevere in breve tempo un preventivo di spesa sulla base delle caratteristiche del proprio impianto elettrico basta contattare il nostro Organismo di Ispezione al numero 0444.787876 oppure compilare l’apposito modello scaricabile dal sito internet e inviarlo ai nostri uffici. L’elaborazione dell’offerta non comporta nessun impegno di spesa.

  1. Come richiedere una verifica periodica dell’impianto elettrico di messa a terra?

Per richiedere e programmare la verifica periodica dell’impianto elettrico di messa a terra è sufficiente contattare la nostra segreteria tecnica al numero 0444.787876. Il nostro personale tecnico Vi fornirà  tutte le indicazioni necessarie e sulla base delle Vostre esigenze individuerà  la data e l’orario migliori per l’esecuzione della verifica.

  1. Al termine della verifica viene rilasciato al datore di lavoro il Verbale di Verifica. Tale documento va spedito a qualche Ente?

Il Verbale di Verifica è il documento che viene rilasciato al termine della verifica. Nel documento viene indicato l’esito della verifica e sono riassunti tutti i risultati ottenuti nel corso dell’ispezione. Il D.P.R. 462/01 prescrive al datore di lavoro l’obbligo di conservare il Verbale di Verifica e di esibirlo su richiesta agli Enti di Pubblica Vigilanza competenti per territorio (es. SPISAL,ULSS,ARPA,INAIL,VIGILI DEL FUOCO,etc.). Se richiesto il documento va spedito all’ENEL (in qualità di Ente Distributore) secondo le modalità  indicate nella lettera di richiesta.

  1. Perché è importante far eseguire la verifica periodica dell’impianto elettrico di messa a terra?

La verifica periodica dell’impianto elettrico di messa a terra è una revisione periodica resa obbligatoria dal D.P.R. 462/01 con il fine di garantire e preservare la sicurezza elettrica negli ambienti di lavoro.

  1. Cosa rischiano gli inadempienti?

I datori di lavoro sono i responsabili diretti della sicurezza in Azienda verso i quali il D.P.R. 462/01 prescrive l’obbligo di far eseguire le verifiche periodiche degli impianti elettrici di messa a terra. I trasgressori vengono puniti dalla Legge con sanzioni sia di tipo amministrativo che di tipo penale. La mancanza della verifica periodica dell’impianto elettrico di messa a terra può rendere invalida la polizza assicurativa dell’Azienda. In caso di infortunio elettrico, quindi, il datore di lavoro incorre in un procedimento penale oltre alla sanzione amministrativa.

RICHIEDI PREVENTIVO GRATUITO

RICHIEDI PREVENTIVO GRATUITO

RICHIEDI PREVENTIVO GRATUITO

Downloads

Articoli recenti

Chi Siamo

Chi Siamo

I Nostri Servizi di Verifica

I Nostri Servizi di Verifica

Lavora con Noi

Lavora con Noi

Riferimenti Normativi

Riferimenti Normativi

CONTATTI

Potete contattarci al seguente indirizzo:
C.V.E. S.r.l. – Centro Verifiche Europee
Via Vittorio Belloni, 111
36040 SAREGO (VI)
Tel.0444.787876
Fax 0444.789037
Oppure inviando una mail a: info@organismocve.com
Indirizzo PEC: centroverificheeuropee@pec.it

VORRESTI MAGGIORI INFORMAZIONI?

Chiamaci o compila ora questo form in massima libertà  e sarai ricontattato al massimo entro 1 giorno lavorativo !

certificazione-impianto-elettrico-verifica-messa-a-terra-centralinista

 

Rispettiamo al 100% la tua privacy
(Privacy Policy art. 13 del d.lgs. 196/2003,
codice in materia di protezione dei dati personali)

Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web, vedi Privacy Center.

 Iscrivimi alla Newsletter, solo contenuti di qualità!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close