Modifica legge verifiche di messa a terra

NEWS

Modifica Legge verifiche di messa a terra, nuove tariffe imposte da INAIL

Novità INAIL dpr 462/01 sulle verifiche di messa a terra

A Seguito della modifica riportata dal decreto milleproroghe 2019 e alla pubblicazione dello stesso nella gazzetta ufficiale DECRETO-LEGGE 30 dicembre n.162 si comunica che è stato modificato il DPR 462/01 nel seguente modo:

Art. 36
Informatizzazione INAIL

1. Al decreto del Presidente della Repubblica 22 ottobre 2001, n. 462, dopo l’articolo 7 e’ aggiunto il seguente:
«Art. 7-bis (Banca dati informatizzata, comunicazione all’INAIL e tariffe). – 1. Per digitalizzare la trasmissione dei dati delle verifiche, l’INAIL predispone la banca dati informatizzata delle verifiche.
2. Il datore di lavoro comunica tempestivamente all’INAIL, per via informatica, il nominativo dell’organismo che ha incaricato di effettuare le verifiche di cui all’articolo 4, comma 1, e all’articolo 6, comma 1.
3. Per le verifiche di cui all’articolo 4, comma 1, e all’articolo 6, comma 1, l’organismo che e’ stato incaricato della verifica dal datore di lavoro corrisponde all’INAIL una quota, pari al 5 per cento della tariffa definita dal decreto di cui al comma 4, destinata a coprire i costi legati alla gestione ed al mantenimento della banca
dati informatizzata delle verifiche.
4. Le tariffe per gli obblighi di cui all’articolo 4, comma 4, e all’articolo 6, comma 4, applicate dall’organismo che e’ stato incaricato della verifica dal datore di lavoro, sono individuate dal decreto del presidente dell’Istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza del lavoro (ISPESL) 7 luglio 2005, pubblicato sul supplemento  ordinario n. 125 alla Gazzetta Ufficiale n. 165 del 18 luglio 2005, e successive modificazioni.».

Estratto relazione illustrativa DDL Milleproroghe (informatizzazione INAIL)

Articolo 36: (Informatizzazione INAIL) La proposta di una banca dati digitale delle verifiche degli impianti elettrici (previste dal D.lgs. 81/08, art. 86, e dal DPR 462/01), gestita dall’INAIL, consente la diffusione delle tecnologie digitali tra imprese e pubblica amministrazione, rendendo completamente informatizzato il processo di trasmissione dei dati delle suddette verifiche dalle imprese all’INAIL. L’adozione della suddetta banca dati nazionale, consentirà di ridurre l’elusione, da parte dei datori di lavoro, dell’obbligo di verifica degli impianti elettrici, così come è avvenuto per le verifiche degli apparecchi di sollevamento e degli apparecchi a pressione (D.lgs. 81/08, art. 71 e DI 11/04/11), settore in cui stata realizzata un’analoga banca dati. Allo stato, si può affermare che, ottimisticamente, viene sottoposto a verifica non più del 5% degli impianti che ne avrebbero l’obbligo, con conseguente violazione del diritto di tutti i lavoratori (e più in generale delle persone esposte), e non del solo 5% di essi, ad essere equamente tutelati nella propria incolumità (il numero di infortuni sul lavoro, mortali o comunque fortemente invalidanti, dovuti al rischio elettrico è tuttora molto elevato). Peraltro INAIL dispone già di un applicativo software (CIVA) che assolve la funzione di banca dati per le denunce degli impianti elettrici e per le verifiche periodiche di altre attrezzature (apparecchi di sollevamento ed a pressione): INAIL può dunque facilmente implementare in tale applicativo (con risorse interne, già destinate alla gestione dell’applicativo stesso) la funzione di banca dati delle verifiche degli impianti elettrici. La disposizione prevede che gli organismi privati, incaricati della verifica dal datore di lavoro, versino ad INAIL il 5% della tariffa applicata per la verifica. Per garantire l’uniformità dei versamenti, da parte degli organismi privati ad INAIL, occorre adottare un tariffario unico nazionale, come già avvenuto per le verifiche degli apparecchi di sollevamento e degli apparecchi a pressione, e per la revisione degli autoveicoli, settori in cui – analogamente a quello delle verifiche degli impianti elettrici – occorre privilegiare la professionalità e la competenza, nell’interesse della sicurezza degli utenti e dei lavoratori. L’adozione di un unico tariffario nazionale per le verifiche degli impianti elettrici (D.lgs. 81/08, art. 86 e DPR 462/01) è di facile attuazione, in quanto per tali verifiche già esiste un tariffario nazionale, adottato da ISPESL (ora INAIL), con decreto del 7 luglio 2005 pubblicato su Gazzetta Ufficiale n. 165 del 18 luglio 2005. Operativamente, il passaggio dall’attuale sistema può essere conseguito operando sul DPR 22 ottobre 2001 n. 462. La disposizione non determina oneri per la finanza pubblica”.

Vai al sito della Camera dei Deputati per leggere la relazione illustrativa

Pertanto, riassumendo, è necessario che i datori di lavoro:

  1. Intervengano con la registrazione dei dati delle verifiche sul portale predisposto dall’INAIL ( CIVA )
    nel piu’ breve tempo possibile. A fronte di questo nuovo obbligo legislativo, per agevolare i propri clienti la nostra Società ha pensato di fornire un supporto tecnico per la registrazione sul portale INAIL dei dati richiesti.

Vai al sito INAIL:

INAIL.IT
  1. Affidi ad un organismo di ispezione come la nostra C.V.E. Centro Verifiche Europee per l’espletamento delle verifiche, in base alle nuove disposizioni di Legge previste dal comma 4 – art. 36- Decreto milleproroghe 2019. Sostanzialmente lo Stato ha imposto a tutti gli organismi che effettuano verifiche di applicare le tariffe previste dal tariffario nazionale e non più a propria discrezione: tali tariffe non tengono più conto della superficie dello stabile bensì solamente dei kW (potenza installata). Sarà compito dell’organismo e non del datore di lavoro corrispondere il 5% all’INAIL in base alle tariffe applicate riportata alla pag.36 del decreto del presidente dell’Istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza del lavoro (ISPESL) 7 luglio 2005.

Richiedi un preventivo aggiornato con le tariffe INAIL:

PREVENTIVO GRATUITO TARIFFARIO (ISPESL)

E’ fondamentale che queste attività siano svolte nel piu’ breve tempo possibile onde evitare spiacevoli controlli incrociati con i dati riportati nella posizione INAIL della vostra azienda.

Per agevolare l’operatività di questa importante modifica al DPR 462/01 il nostro organismo mette a vostra disposizione un numero verde gratuito:

cve_numero_verde

Decreto mille proroghe:

GAZZETTA UFFICIALE

Ricordiamo a tutti che il D.L. n. 162 del 2019 è entrato in vigore immediatamente dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, ma gli effetti prodotti sono provvisori, perché come per tutti i decreti legge perde efficacia se il Parlamento non lo converte in Legge entro 60 giorni dalla loro pubblicazione.

certificazione-impianto-elettrico-verifica-messa-a-terra-centralinista

Compila il form oppure chiama il nostro numero verde:

cve_numero_verde

VORRESTI MAGGIORI INFORMAZIONI?

Chiamaci o compila ora questo form in massima libertà  e sarai ricontattato nel più breve tempo possibile.

Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web, vedi Privacy Center.

 Iscrivimi alla Newsletter, solo contenuti di qualità!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close